La legge di attrazione e “MANIFESTAZIONE”.

 

cinzia.carminati mandalaNel ThetaHealing®  utilizziamo le frequenze cerebrali theta e l’energia della” Sorgente di tutto ciò che è”, per attrarre nella nostra vita ciò che più desideriamo. Tutto ciò che ci accade è la manifestazione dei nostri pensieri, sia consci che inconsci. Come un magnete attiriamo a noi eventi e persone con cui siamo in risonanza. Meglio conosciamo noi stessi, più facilmente possiamo gestire ciò che attiriamo nella nostra esistenza, imparando dalla vita ciò che più è utile per noi, per il nostro sviluppo e la nostra felicità. La maggior parte dei nostri pensieri sono inconsci, per liberarci da convinzioni disarmoniche e dai conflitti, che si  manifestano nella realtà con eventi e situazioni poco gradevoli, si utilizza la tecnica dello “scavo”.

Possiamo “manifestare” solo per noi e per nessun altro, ad esempio non possiamo chiedere che qualcuno ci ami, perché in questo caso violeremmo il suo libero arbitrio. Non possiamo chiedere di ottenere qualcosa che appartiene ad altre persone, perché sarebbe un vero e proprio tentativo di “furto energetico”, possiamo però “manifestare”, di ottenere nella nostra vita, qualcosa di simile. E’ necessario quindi utilizzare correttamente questa tecnica, nel massimo rispetto e per il Bene Supremo di tutti quanti.

 ATTACCAMENTO

L’attaccamento ai risultati distrugge la pace e la quiete interioreSe il desiderio degenera in dipendenza, in ansia di ottenere qualcosa a tutti i costi, significa che nel profondo del nostro essere, non ci crediamo veramente. Se non si ha fede nella riuscita, difficilmente, si otterrà ciò che si cerca.

Quando pratichiamo la “manifestazione” per qualcosa, ma abbiamo paura del fallimento, abbiamo bisogno di ridimensionare il nostro ego; per ottenere facilmente chiediamo, senza essere attaccati ai risultati, con la sicurezza che, in ogni caso, ci arriverà quello di cui abbiamo bisogno.

Un’eccessiva importanza data all’oggetto della “manifestazione”, crea difficoltà nel raggiungerla.E’ meglio andargli incontro senza eccessivo desiderio, con tranquillità e fede nella riuscita.

 PAURA

Qualunque cosa hai paura di perdere, la hai già persa nella tua immaginazione.

Quando si ha paura, non si è in grado di manifestare l’abbondanza, non si può crearla quando ci si sente in uno stato di necessità, ci si sente vuoti e disperati e si sta sperimentando una prospettiva di scarsità.

E’ molto più utile immaginare e visualizzare un mare di abbondanza. Quando ci sentiamo a nostro agio con l’abbondanza, proviamo a fare la “manifestazione” tramite la frequenza cerebrale Theta e il “Creatore di tutto ciò che è”.

 

PENSIERO NEGATIVO

Quando si pensa a ciò che non si vuole, si sta comunque occupando la mente con l’oggetto indesiderato, che alla lunga finirà col manifestarsi; si rischia così di ottenere proprio ciò che non si vuole.

Se l’energia mentale si fissa su qualcosa d’indesiderato e si prova avversione, quella stessa cosa si può manifestare nella vita, la forte carica emotiva rende più facile l’attrazione nella nostra vita dell’oggetto della nostra avversione.

Se non si vuole che ciò accada, possiamo domandarci il motivo della nostra avversione, se non siamo capaci di perdonare o di comprendere, è necessario almeno rilasciare l’avversione.

Se si dovesse manifestare l’indesiderato, usare il senso dell’umorismo e sdrammatizzare, trovare comunque un vantaggio dalla situazione, probabilmente da questa esperienza c’è qualcosa di buono da imparare.

Se ci lasciamo tormentare da cose, situazioni o persone che non ci piacciono, è facile attirarle nella nostra vita. Possiamo inviare “amore incondizionato” alle persone che costituiscono per noi un ostacolo e imparare ad affrontare queste situazioni con maggiore leggerezza, è consigliato fare lo “scavo”.

 

COLPA

Il senso di colpa, il sentirsi immeritevoli, genera eventi punitivi: possiamo procurarci piccole ferite, infezioni, macchiarci un abito o perdere un oggetto o rinunciare a qualcosa a cui teniamo. Con i sensi di colpa ci rendiamo disponibili a farci manipolare, siamo deboli e disponibili alla punizione. Fare lo “scavo”.

 

VITTIMISMO, FUGA NEL PASSATO, INSODDISFAZIONE E STATO DI BISOGNO

Con l’insoddisfazione, difficilmente si attira benessere, lo stesso avviene quando ci si sente in uno stato di mancanza, come se qualcuno ci punisse o quando si vive prevalentemente di ricordi, nel passato.

Il vittimismo, l’insoddisfazione, il bisogno, spingono le persone a far sì che la vita manifesti questi parametri negativi. Se mi sento nel bisogno, ad esempio, vuol dire che in me c’è una convinzione che la vita non mi dia quello che mi serve, che non mi posso fidare perché c’è carenza, in questo caso ci sono delle convinzioni da cambiare.

L’insoddisfazione crea altra insoddisfazione. La vittima preferisce incolpare gli altri dei suoi insuccessi, ed evita di assumersi la responsabilità delle sue azioni, di conseguenza, difficilmente potrà cambiare atteggiamento ed entrerà in un circolo vizioso, in cui si sentirà sempre vittima, incolperà continuamente il mondo esterno che gli restituirà esattamente ciò che sta proiettando, in un infinito gioco auto sabotante. Fare lo “scavo”, creare un circolo virtuoso, assumersi le responsabilità di ciò che ci accade.

 

 DENARO

Affliggersi per l’insufficienza e la mancanza di denaro, rafforza la convinzione di averne poco.

La paura ci fa comportare in modo tale da perdere il nostro centro. La paura di rimanere senza soldi, ci può spingere a fare lavori indesiderati e a vivere di privazioni.

Possiamo anche focalizzarci su ciò che si vuole ottenere con i soldi, e non sul denaro stesso, potenziando quindi il vero fine, il vero risultato. Ad esempio se vogliamo un bell’appartamento, focalizziamoci sulla nostra casa ideale, magari anche esagerando, il nostro benessere non nuoce agli altri, osiamo di più e vediamo che cosa succede. Se non accade quello che desideriamo manifestare, cerchiamo al nostro interno, attraverso lo scavo, quali convinzioni autolimitanti, quali paure, sensi di colpa o blocchi ci stanno ostacolando e…… riproviamoci. Se la nostra richiesta sarà precisa e per il massimo bene, nostro e altrui, potrà realizzarsi nel modo migliore.

 

GRATITUDINE

Essere grati, ogni giorno, per ciò che abbiamo, ci apre a saper ricevere abbondanza e benessere; ci aiuta inoltre a focalizzarci sul lato positivo, sia pure potenziale, che si cela dietro ogni evento. La gratitudine apre le porte alla felicità e crea un campo magnetico dentro e intorno a noi, che fa accadere eventi fortunati.

Per manifestare qualcosa, bisogna agire.

Quanto peggio pensiamo del mondo, tanto peggiore esso diventerà per noi.

Lo strumento più grande per cambiare il mondo, è la nostra capacità di cambiare il modo, in cui la nostra mente vede il mondo.

Pensieri non più limitati, portano a vivere esperienze non più limitate.

 

Si ringrazia l’artista Cinzia Carminati, per aver concesso l’autorizzazione alla pubblicazione della sua opera” Mandala”.

3 risposte a La legge di attrazione e “MANIFESTAZIONE”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Messaggi dal cuore

Eventi

  • Non ci sono eventi